IL DENTISTA PORDENONE

Pulizia dei denti per adulti e bambini con motivazione all'igiene.

LA VISITA DAL DENTISTA

Prendersi cura dei denti è compito del singolo individuo e dell'odontoiatra di fiducia.

Il bambino si assume la responsabilità dei suoi denti negli intervalli di tempo tra le visite odontoiatriche usando in modo costante ed accurato lo spazzolino con un dentifricio al fluoro.

L'odontoiatra in collaborazione eventualmente con l'igienista dentale effettua visite di controllo periodiche per:

  • accertare la salute dei denti e delle gengive
  • diagnosticare problemi dentali
  • insegnare le procedure di igiene orale e verificarne l'applicazione 
  • controllare la corretta esecuzione

inoltre, se necessario:

  • curare le carie
  • pulire e lucidare i denti per rimuovere macchie e tartaro
  • applicare il gel al fluoro
  • fare radiografie panoramiche ed endorali
  • applicare sigillanti

 

Volendo schematizzare secondo un criterio cronologico in base all'età del bambino, si possono distinguere tre periodi fondamentali nei quali è consigliato fare una visita:

 

PERIODO NEONATALE (0/3 anni)

Fin dalla nascita si può iniziare la somministrazione di fluoro in quanto migliora i processi di mineralizzazione dei tessuti dentali (smalto) rendendoli più resistenti alla carie. Dopo lo svezzamento, durante l'eruzione dei denti decidui, è bene passare ad una alimentazione solida che contribuisca con la saliva all'autodetersione dei denti e faciliti un armonico sviluppo delle arcate.

E' opportuno sottoporre il bambino in tenera età a visite specialistiche per abituarlo all'ambiente odontoiatrico ed istruire i genitori all'uso corretto dello spazzolino. Una non adeguata igiene orale può favorire la formazione di carie, che non solo possono provocare dolore e disagi alla masticazione, ma anche causare spostamenti dentali con perdita di spazio e quindi malocclusioni. 

Non devono essere usate tettarelle o succhietti dolcificati. L'uso di questi non dovrebbe prolungarsi oltre il secondo anno di vita, se ciò dovesse accadere, è necessario sostituire i succhiotti a forma di ciliegia, con quelli fiosiologici a goccia o anatomici che si adattano meglio alla forma del palato.

 

PERIODO DELLA PRIMA INFANZIA (3/6 anni)

In questo periodo devono iniziare le visite periodiche annuali, durante le quali bisogna prestare massima attenzione alla dentatura decidua ed allo sviluppo dei mascellari, soprattutto per intercettare ed intervenire su alcuno fattori eziologici (succhiamento del pollice o succhietto, respirazione orale e deglutizione atipica).

 

PERIODO DELLA FANCIULLEZZA (6 anni in poi)

Il bambino presenta una dentizione mista che si protrarrà fino al completamento della dentatura permanente (12/13 anni). Devono continuare i controlli periodici annuali, sia per proseguire gli scopi del periodo precedente sia per diagnosticare preocemente anomalie dei denti permanenti sia per controllare lo spazio in arcata, tenendo presente che i denti decidui non solo assolvono la loro funzione masticatoria, ma fungono anche da "mantenitori di spazio" per la dentatura permanente.

Conosciamo il dentista con Peppa Pig!

La prevenzione

INFORMAZIONE: bisogna sapere come sono fatti i denti, che cosa avviene o può avvenire loro e cosa fare per mantenerli sani.

IGIENE: dopo la pulizia, la placca si riforma in poche ore. occorre pulirsi i denti di frequente, subito dopo ogni pasto, sempre prima di andare a dormire ed evitare alcuni alimenti.

 

  1. L'uso dello spazzolino mantiene sani i denti e gengive, garantisce un sorriso brillante e l'alito fresco!
  2. L'uso di un dentifricio al fluoro contribuisce a rendere i denti più resistenti alle carie.
  3. Scegliere uno spazzolino con setole morbide e di misura datta all'età del bambino, usare una piccola quantità di dentifricio al fluoro, sciacquare sempre lo spazzolino e riporlo in un luogo dove le sotele possano asciugarsi.

I protettori dei denti

Il fluoro è un elemento naturale che si combina con lo smalto (strato più esterno del dente) e lo rafforza, proteggendolo dalla carie. Agisce in maniera invisibile, ma è particolarmente importante per la buona mineralizzazione dei denti dei bambini.

Indipendentemente dall'età, la superficie del dente (smalto) si modifica di continuo. Quando il fluoro viene applicato risulta assorbito attivamente dallo smalto, lo ripara, ovvero lo remineralizza e quindi lo rende più resistente. Se si demineralizza lo smalto (oer l'instaurarsi di un processo carioso) la remineralizzazione mediante fluoro è un eccellente antidoto: permette di bloccare il processo di formazione di carie allo stadio iniziale, prima che divenga visibile.

 

Il fluoro può essere somministrato in vari modi, sia per via locale sia per via sistemica.

Il fluoro per via locale viene applicato al dente dall'esterno attraverso:

  1. dentifricio al fluoro
  2. collutorio al fluoro (non consigliato a bambini di età inferiore di 5/6 anni inquanto possono ingerirlo)
  3. gel al fluoro, una formula concentrata applicata dall'igienista durante le normali visite di controllo o igiene.

Per via sistematica invece, viene ingerito e raggiunge il dente dall'interno. E' efficace solo quando il dente si sta formando e si riceve da:

  1. acqua, sale o latte fluorurati
  2. pastiglie, gocce, gomme da masticare al fluoro prescritte dall'odontoiatra, nel dosaggio opportuno: 0.25 mg al giorno fino a 2 anni di età, 0.5mg al giorno fino ai 14 anni di età.

Il fluoro può essere somministrato anche nell'ultimo trimestre di gravidanza (1mg al giorno), poichè i denti del nascituro si stanno già formando nel grembo materno.

 

I sigillanti sono delle sottili pellicole protettive di materiale composito che vengono applicate nei solchi delle superfici masticatorie dei denti. Agiscono come barriera fisica, che impedisce il ristagno di placca e di cibo così da permettere una più facile autodetersione salivare.

L'alimentazione

La placca dentale contiene dei batteri che sono normalmente presenti in bocca. Dopo aver mangiato, la placca aumenta; è facile notarne la presenza con la lingua poichè si avverte la consistenza di pellicola crespa sui denti. Quando si mangia zucchero o cibi contenenti amido, i batteri della placca entro 20 minuti danno inizio ad una reazione che produce acidi che rimangono in bocca fino a quando non ci spazzoliamo i denti. L'acido viene a contatto con lo smalto del dente ed ha inizio il processo carioso.

 

Limitare la frequenza nell'assunzione dei "cibi fuori pasto" (merendine, dolci...) può avere un notevole impatto sulla salute orale.

Inoltre il cibo può danneggiare i denti anche a seconda di come viene mangiato. Più a lungo teniamo in bocca un alimento ricco di zuccheri o amidi (uva passa, datteri, patatine, crakers, ecc.), maggiore sarà la reazione placca-acido. 

I fuori pasti sani!

Non tutti i dolci possono e devono essere eliminati. E' la frequenza di assunzione e la cadenza rispetto alle procedure di igiene orale che va regolata. E' sconsigliata l'assunzione frequente di alimenti contenenti zucchero o amido tra i pasti ma se dopo averli mangiati spazzoliamo bene i denti, non vi sarann0o danni alla dentatura.

 

Al contrario, sono consigliati frutta (mele e pere), latte. pop corn non salati, verdure (carote, sedano e spinaci), bevande non zuccherate (succhi di frutta al naturale), gomme da masticare senza zucchero, yogurt. Alcuni alimenti come il latte, frutta, pane, sebbene contenenti zuccheri semplici (fruttosio e glucosio) o zuccheri complessi (amido) forniscono al tempo stesso anche elementi nutritivi essenziali (vitamine, sali minerali, fibre), perciò ne va consigliata l'assunzione.

IMPIANTI DENTALI PORDENONE, INNESTI OSSEI PORDENONE, ORTODONZIA PORDENONE, SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA PORDENONE, PULIZIA DEI DENTI PORDENONE, ENDODONZIA PORDENONE. 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Studio Dentistico Dario Dott. Del Ben via Maggiore 39 33170 Pordenone Partita 01507970935

Chiama

E-mail

Come arrivare